Il Vittoriale degli Italiani

L’arte dei giardini, è stato detto, somiglia straordinariamente alla poesia: il poeta fa con le parole ciò che il giardiniere fa con le piante, i cespugli, i fiori, le acque, le statue. Comune alle due arti è l’impulso a creare un’ “armonia delle cose”, un luogo in cui vivere che sia anche specchio fedele del proprio sé più profondo ed autentico. Il pensiero corre subito al Vittoriale degli Italiani, la cittadella di Gardone Riviera ove Gabriele d’Annunzio approda nel 1921 per poi stabilirvi la sua ultima dimora, che concepisce come un mausoleo della propria prodigiosa avventura di artista e di eroe.

Al pari dei chimerici interni della Priora, l'abitazione privata di cui egli progetta nel minimo dettaglio l'arredamento stravagante e favoloso, anche i nove ettari di verde digradanti sul lago della cittadella gardonese sono oggetto di un accuratissimo allestimento d’autore. Concepito dal poeta come naturale integrazione delle strutture abitative e monumentali, il Giardino del Vittoriale è luogo dove natura e arte si compenetrano, dove ogni pianta, fiore, frutto o scultura è simbolo, allegoria, allusione.

torna su

 

Isola del Garda | Fondazione Heller | Il Vittoriale | Orto Botanico Ghirardi | Giardino di Delizia | I Giardini di Limoni

home page | mappa sito | credits | contattaci